PEDER SEVERIN KROYER (Stavanger 1851 – Skagen 1909) Pittore impressionista danese.
Nato a Stavangen, in Norvegia, fu cresciuto da una zia a Copenaghen. Quattordicenne prese lezioni alla Royal Danish Academy of Fine Arts di Copenaghen. Nel 1877 partì per un viaggio di studio e lavoro in Spagna, Francia e Italia. In particolar modo il suo soggiorno a Parigi influenzò la sua pittura. Qui ebbe modo di conoscere numerosi artisti e tra i più importanti furono gli impressionisti Monet, Renoir, Degas e Sisley, senza dimenticare Manet, il loro precursore. Rientrato a Copenaghen si distinse anche come famoso ritrattista. Kroyer ebbe a far parte di un gruppo di artisti danesi, svedesi e norvegesi che amavano dipingere nel bel mezzo della natura. Era infatti membro della colonia di artisti Skagensmalerne che ebbero il loro apice artistico nel 1880.
Dipinse ritratti (“Autoritratto” – Firenze, Uffizi), ma era soprattutto famoso per i suoi paesaggi a carattere impressionista, come ad esempio le bellissime passeggiate sulla spiaggia, uno dei suoi temi preferiti, oppure le magiche serate al chiaro di luna. Da non dimenticare le scene di lavoro il cui verismo poggia in gran parte su sapienti effetti di luce (“I cappellai italiani” – 1882 ; “Le notti bianche a Skagen”).
La sua vita fu costellata da moltissimi viaggi, sempre molto stimolato dalla cultura di altri paesi e dalle loro correnti artistiche.
Nel 1900 fu dichiarato malato di mente e venne più volte ricoverato in ospedale psichiatrico. Morì nel 1909 per causa della sifilide.
Nella nostra collezione di stampe sono presenti le riproduzioni di alcune sue opere significative.

Torna in cima